Tutto qui.


IL FATTO è CHE MI PERDO. MI perdo sempre.

dal mio cervello fuoriesce un nastro colorato azzurro che si arriccia e prende colori … E volano i miei pensieri.

Un uomo appare ai miei occhi verdi, con un buffo cappello color arcobaleno ed i baffi grandi e imponenti nascondono un sorriso di un cuore buono, i suoi occhi marroni mi parlano del nostro stare al mondo, delle rinunce. A cosa rinunciamo? Cos’è che davvero abbiamo?

Cresciamo con dei dogmi imposti dei “presetaggi” come per un computer.

Esisto. Cosa si fa? Nasco. Esco da mia madre… E poi?

L’unica cosa che decidiamo noi, forse … è quella di esistere, uscire da lì. Certo con l’aiuto di nostra madre. Siamo espressione della volontà di due esseri o forse tre, di un accordo, di un creare qualcosa.

E allora esco fuori, perché? per creare qualcosa, non so nulla. IO.

E da lì inizia il “bordello”. Io devo dire mamma e devo dire papà entro un certo periodo sennò sono un bimbo problematico. Devo smetterla di bere il latte dalla mamma. Devo camminare con i miei piedi. Devo andare a scuola e comportarmi bene sennò l’uomo nero mi prende e mi porta via. Ma dove poi? E poi che vuole da me quest’uomo nero? è solo nero…mica è un problema mio, al limite poi ci facciamo una partita a carte…ah no non me lo hanno ancora insegnato. è cattivo! Ma cosa significa cattivo? …

tutta lanostra vita è un impalcatura di piume. ci reggiamo sui nostri genitori fino al giorno in cui ci rendiamo conto che anche loro sono fatti di piume, sono fragili quanto e più di noi. Non ci possiamo più appoggiare, crolla tutto o si costruisce sulle piume. Allora devo distruggere le piume e poi? dove vado?

Non devo più Essere in tempo con gli studi, vergognarmi di essere bocciato e non conforme agli altri, stronzi, ma più bravi di me. Devo essere cattivo perché ad essere buoni ci si perde. Cattivo? allora l’uomo nero perché non può’?

Devo andare al liceo, il classico è meglio, all’università e sceglierla in tempo avere chiaro quello che voglio fare, possibilmente dottore, imprenditore o avvocato, fare gli esami in tempo, stare vicino alla famiglia poi sposarmi avere figli morire. Tutto qui?

Annunci

Un pensiero su “Tutto qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...